Ti sei mai chiesto quale sia quell’elemento nascosto che porta le persone (che fanno un viaggio nella stessa identica destinazione) a vivere due esperienze COMPLETAMENTE diverse?
Leggi questa lettera per scoprire quale sia questo ‘ingrediente nascosto’ e cosa devi fare per immergerti TOTALMENTE nella cultura dei luoghi in cui viaggi (a differenza dei turisti che visiteranno lo stesso posto MA con la sensazione di ‘vedere le cose che vedono tutti’)
Da oggi esiste un NUOVO modo di viaggiare: Finalmente non dovrai più scegliere tra viaggio e cultura perché c’è un metodo per unire entrambe.
Marco Mantovani - Mango Viaggi
Sono Marco Mantovani titolare di Mango viaggi e ti faccio i complimenti per essere arrivato su questa pagina perché significa che stai cercando una nuova esperienza di viaggio.
Probabilmente hai fatto diversi viaggi nella tua vita, alcuni magari li hai organizzati per conto tuo, altri invece ti sarai affidato ad un’agenzia viaggi.

Se come me sei un instancabile viaggiatore e non vedi l’ora di partire per il prossimo viaggio, sarà capitato anche a te di tornare inappagato e insoddisfatto da un viaggio….

Non vedevi l’ora di partire, magari ti sei affidato al consiglio di amici che avevano fatto lo stesso viaggio prima di te… eppure la tua sensazione è quella di non averlo vissuto a pieno come volevi.

In questa lettera comprenderai perché accadde questo e ti aiuterò a capire quali sono i criteri che devi tenere in considerazione prima di prenotare il prossimo viaggio.

Prima però (di trovare il TUO viaggio perfetto e adatto alle TUE esigenze) è importante che tu conosca la risposta a questa domanda…

Perché ci sono persone che fanno lo stesso viaggio
eppure vivono un’esperienza completamente diversa?
Trovare il proprio viaggio ideale è come la scelta del ristorante in cui andare a mangiare: è questo l’esempio che faccio alle persone che si rivolgono a me quando mi chiedono di aiutarle a individuare (e a creare) il viaggio adatto a loro.

Ti stai forse chiedendo cos’hanno in come la scelta di un viaggio con la scelta del ristorante, giusto?
Sono molte le alternative che hai di fronte quando decidi di mangiare fuori, come fai quindi a scegliere quella adatta a te, in quel momento lì, tra le tante presenti?

Scegli semplicemente un elemento da mettere al vertice: se desideri un pasto con cibo di qualità probabilmente sceglierai un ristorante stellato, se invece preferisci spendere poco sceglierai un fast food o un all you can eat.
Devi mettere una cosa al vertice: devi scegliere tra qualità e spendere poco, non esiste un’alternativa che metta al vertice tutte e due le caratteristiche
Lo stesso tipo di scelta si verifica quando decidi di partire per un viaggio: devi mettere una cosa al vertice.
Come per la scelta dei ristoranti anche qui ti trovi di fronte a molte alternative:
  • Viaggi Relax 
  • ​Viaggi Sportivi
  • ​Viaggi d’Avventura
  • ​Viaggi con Visite turistiche 
  • ​Viaggi culturali
  • Ecc...
La maggior parte delle agenzie viaggi hanno pacchetti viaggio preconfezionati, NON personalizzabili e NON adattabili alle tue esigenze (quindi sei tu che devi adattarti ad essi) per questo motivo (e per ‘soddisfare’ la richiesta del maggior numero di persone) mettono all’interno dei viaggi che propongono un po’ di tutto, senza mettere nulla al vertice.
Fare un viaggio dove fai turismo, relax, un po’ di avventura e un pizzico di visite turistiche è come andare alle scuole elementari: studi un po’ di tutto in modo superficiale, senza verticalizzare le tue conoscenze su una materia soltanto.
È proprio a causa di questa sensazione dove ‘si è fatto un po’ di tutto senza fare bene nulla’ che molte persone quando tornano da un viaggio hanno la sensazione di:
  • NON aver vissuto e conosciuto realmente quel luogo 
  • ​NON essere stati veri viaggiatori ma SOLO ‘turisti di passaggio’
  • aver visto ‘le cose che vedono tutti’
Come mai allora ci sono persone che sono state nello stesso luogo e tornano a casa soddisfatte, con la sensazione di aver abitato quei luoghi?
A fare la differenza in un viaggio NON è la destinazione, ma la preparazione
Viaggio da quando sono bambino e fin dai primi viaggi con la mia famiglia ricordo che i miei genitori mi hanno insegnato che un viaggio non inizia MAI nel momento della partenza MA nel momento in cui inizi a prepararlo.

I nostri viaggi erano fatti in camper e questo comportava iniziare settimane (se non mesi) prima a pensare all’itinerario e all’organizzazione. Questo mi ha permesso di capire attraverso l’esperienza diretta quanto fosse vero l’insegnamento trasmesso dai miei genitori.
Se vuoi vivere viaggi pieni, ricchi e non tornare con la sensazione di aver visto ‘le cose che vedono tutti’ è fondamentale che anche tu ne comprenda l’importanza, perché iniziando il viaggio nella sua preparazione significa chiederti innanzitutto ‘cosa vuoi mettere al vertice?’.

Occupandomi di aiutare le persone non solo ad individuare il loro viaggio ideale, ma anche affiancarle nella sua preparazione, più volte arrivano clienti che condividono l’insoddisfazione avuta da viaggi precedenti (proprio per la sensazione di non averli vissuti) e il desiderio di fare un viaggio alla scoperta di cose insolite che il turista di massa NON vede.
Per questo motivo ho unito le mie competenze insieme all’esperienza derivata da tutti i viaggi che ho fatto, e ho creato un metodo che non solo mettesse in vertice UNA (e una SOLA) caratteristica ma che fosse LA caratteristica in grado di far tornare a casa le persone con la sensazione di aver vissuto quel luogo (e NON di averlo visitato soltanto).

Ho scelto così di mettere in vertice la cultura, è così che è nato CULTURAP.
CULTURAP: il metodo di viaggio dedicato a chi vuole mettere in vertice la cultura
I viaggi CULTURAP che organizziamo sono pensati per PICCOLI GRUPPI di persone che vogliono fare il pieno di cultura e di azzerare i tempi morti: è questa l’unicità del metodo.
Chi si affida a CULTURAP infatti NON è:
  • un turista di massa
  • ​un visitatore di passaggio
  • una persona che ‘vede le cose che vedono tutti’
Chi si affida a CULTURAP non ha la sensazione si ‘aver visitato’ ma torna a casa con la sensazione di aver vissuto i luoghi del viaggio.
Ecco qual è la differenza che c’è tra ‘VIVERE’ e ‘VISITARE’ un posto (che devi conoscere se vuoi vivere i tuoi viaggi da protagonista)
 VISITARE un posto’ è come cercare di sensibilizzare un adolescente alla legalità spiegandogli perché è importante non infrangere la legge
 ‘VIVERE un posto’ è come voler sensibilizzare lo stesso adolescente sempre sulla legalità, ma portandolo in carcere e facendogli conoscere di persona chi ha commesso un reato.
C’è una grande differenza tra ‘VIVERE’ e ‘VISITARE’ che spiego sempre ai miei clienti (e che è importante che conosca anche tu).
Per garantire ai partecipanti di CULTURAP di tornare a casa con un’esperienza UNICA e con la sensazione di aver vissuto i luoghi in cui andranno, abbiamo creato 5 fasi specifiche, dettagliate e INESISTENTI in qualsiasi altra agenzia:
DEFINIZIONE DELLA DESTINAZIONE
CONTATTO E VALUTAZIONE DEI PARTNER LOCALI
ESPLORAZIONE DELLA DESTINAZIONE
Definizione dell’ITINERARIO INEDITO IDEALE
PREVENTIVAZIONE
Vediamo ora nello specifico in cosa consistono queste 5 fasi:
1) DEFINIZIONE DELLA DESTINAZIONE CONSISTE NEL:
  • Porre dei questionari che facciano emergere le esigenze dei clienti
  • Proporre dei sondaggi online utili a far emergere tutte le loro aspettative
  • Utilizzare riviste specializzate di settore che anticipano i trend
2) CONTATTO e VALUTAZIONE dei partner locali consiste in una:
  • Profonda conoscenza del territorio per seguire tutti gli aspetti logistici
  • Accurata selezione delle guide locali (questo permette di aumentare lo scambio e la conoscenza con la cultura locale).
    3) ESPLORAZIONE della destinazione tramite:
  • Le conoscenze dirette (sono luoghi che io e il mio staff conosciamo molto bene perché abbiamo effettuato molti viaggi)
  • Uno studio derivato da fonti autorevoli (come enti del turismo e partner locali)
  • Uno studio di tutte le migliori guide del momento (es: tutta la lonely planet, national geographic)
  • ​Viaggi esplorativi effettuati di persona
4) Definizione dell’ITINERARIO INEDITO IDEALE
In questa fase si uniscono tutte le informazioni raccolte durante le fasi di ricerca e di studio precedenti. A questo punto ci andremo a concentrare sui dettagli e sugli aspetti più tecnici, in modo tale da azzerare i tempi morti durante il viaggio e usare ogni occasione per abbeverarsi di cultura.
Gli elementi che prenderemo in considerazione in questa fase sono i seguenti:
  • Qual è il periodo migliore per mettersi in viaggio
  • Quali saranno le tappe principali
  • Come verranno svolte e organizzate le visite all’interno di ogni tappa
  • ​Stabilire i tempi per ogni visita
  • ​Individuare i mezzi di trasporto locali e i tempi di spostamento
  • ​Mostrare le posizioni in cui sono situati gli hotel
  • ​Consultare orari e tipologia di voli per iniziare e per concludere l’itinerario
  • Ottimizzazione massima dei tempi
5) PREVENTIVAZIONE:
Infine, nell’ultima fase selezioniamo e quotiamo ogni servizio in base ad un metodo scientifico di punteggi. Ecco quelli che prenderemo in considerazione:
  • Costo
  • Posizione
  • Trattamento
  • ​Ottimizzazione dei tempi
  • ​Quanto sarà possibile vivere il territorio
  • Tempistiche di prenotazione anticipata
  • ​Esclusività
  • ​Aspetto sociale e di responsabilità verso il territorio e verso le popolazioni
Per riuscire a rispettare questo programma e garantire ai partecipanti un’immersione completa nella cultura del posto si è dovuto decidere di limitare l’esperienza ad un gruppo ristretto di persone.
Il numero limitato a cui è riservata la partecipazione a questi viaggi è l’altra caratteristica che rende unici i viaggi in filosofia CULTURAP.
Si è deciso di limitare i viaggi CULTURAP a SOLE 25 persone per due ragioni:
1) NON ci rivolgiamo ad un turismo di massa
2) Crediamo che il PRIMO modo per fare il pieno di cultura sia quando c’è uno scambio tra persone. Affrontare un viaggio in compagnia di altre persone è utile per confrontarsi e cogliere aspetti culturali che viaggiando da soli non si sarebbero colti. 
Più è numeroso un gruppo e più questo scambio reciproco risulta difficile. Per permettere quindi uno scambio reale tra le persone è importante che il gruppo abbia un numero limitato di partecipanti.
<< Mi piace questo nuovo modo di viaggiare. Vorrei approfondire la filosofia CULTURAP, da dove mi consigli di partire? >>
Arrivato a questo punto può essere che ti trovi nella situazione in cui desideri partire ‘a breve’ per un viaggio. 
In questo caso ci sono due alternative:
1) Sei in cerca di un’occasione ‘last minute’

In questo caso ti consiglio di visitare altri siti di altre agenzie poiché in quanto CULTURAP non ci occupiamo di questa tipologia di viaggi.
2) Ti piace la filosofia CULTURAP e vuoi avere maggiori informazioni sui prossimi viaggi per piccoli gruppi
In questo caso ti riporto qui sotto i viaggi CULTURAP che abbiamo in programma.
Se invece sei nella situazione in cui ti piace la filosofia CULTURAP ma NON è il momento adatto per intraprendere un viaggio, allora ti consiglio di cliccare nel link qui sotto 
Cliccando su questo link arriverai nella pagina di accesso al gruppo CULTURAP: il gruppo Facebook riservato agli HIDDERS (le persone che vogliono viaggiare mettendo al vertice la cultura).
Da tempo cercavo una community che unisse la passione per i viaggi e la cultura. Non trovandola ho deciso di crearne una io. Ecco quindi la PRIMA community per persone che vogliono viaggiare mettendo al vertice la cultura.
Se invece ti trovi in questa situazione: ti piace la filosofia CULTURAP, sei interessato a fare un viaggio con noi ma hai domande o ‘richieste particolari’ allora clicca qui:
Qualsiasi viaggio farai, ti auguro di fare sempre un pieno di cultura e di tornare a casa con la sensazione di aver vissuto (e NON visitato) quel luogo.

A presto,
Marco Mantovani
Titolare di Mango Viaggi
Ideatore del metodo CULTURAP
© Copyright - CULTURAP è un brand di Mango Viaggi | Via Roma, 8 - 37047 SAN BONIFACIO (VR) - P.I. 04448320236 - Privacy policy